La Fondazione Angeli del Bello ONLUS, nata nel SETTEMBRE 2010, ha come soci fondatori ALIA Servizi Ambientali Spa, ex Quadrifoglio Spa, e Associazione Per Firenze, ex Associazione Partners Palazzo Strozzi, due soggetti diversi e importanti della città che si sono legati per un progetto dedicato alla cura e al decoro di Firenze.
La Fondazione, in cui operano numerosi volontari, ha come finalità principale quella di promuovere la partecipazione attiva dei cittadini alla cura dei beni comuni e di coordinare l’attività di quanti, in forma singola o associata, si iscrivono per dare un contributo fattivo al recupero della bellezza della propria città. Per questo vengono organizzate campagne di sensibilizzazione al civismo per migliorare i comportamenti individuali e collettivi in materia di tutela e rispetto dell’ambiente; sono ideati progetti educativi e percorsi di formazione, in grado di generare coesione sociale, senso di appartenenza e integrazione. A tutto ciò si affiancano azioni di riqualificazione di spazi urbani residuali o in stato di abbandono e degrado, mirate alla salvaguardia del centro storico di Firenze, iscritto nella lista Unesco del Patrimonio mondiale dal 1982.
La domanda di partecipazione al volontariato è molto alta a Firenze e numerose sono le associazioni che a vario titolo si occupano di volontariato sociale. Per quanto riguarda il volontariato urbano – quale si può configurare quello svolto dalla Fondazione Angeli del Bello – è difficile trovare numeri di riferimento. La tradizione di questo tipo di volontariato è legata soprattutto ai paesi di origine anglosassone ed è molto diffusa in Nord America, ma in Italia ha pochissimi esempi. Sul tema della cura e del decoro della città le istituzioni demandano ai comitati spontanei, che ‘sfuggono’ a una precisa catalogazione e hanno un tempo di vita spesso molto labile.
L’attività, rivolta al decoro urbano e ambientale, è declinata in varie modalità: ripristino delle facciate imbrattate, micro pulizia di piazze e giardini, cura delle fioriere, piccola manutenzione di parchi e giardini, anche storici e monumentali. Alcune di queste azioni nascono spontaneamente dalla richiesta dei cittadini stessi che, vivendo in un determinato quartiere, segnalano le aree in cui è necessario intervenire; in questi casi la Fondazione svolge un’azione di coordinamento dell’intervento. Altre azioni vengono promosse dai volontari stessi o sollecitate dalle istituzioni del territorio. Per svolgere tutte le attività sopra menzionate, ogni volontario è coperto da un’assicurazione e indossa una pettorina identificativa.
Le attività
CamminPulendo
Nata su iniziativa del gruppo “L’erba voglio senza un foglio”, nel quartiere 4, CamminPulendo è un’attività di pulizia che unisce la cura degli spazi comuni e il piacere della condivisione. Un’esperienza all’insegna della cultura della sostenibilità e delle buone pratiche da fare all’aria aperta, che mette insieme ecologia e senso civico. Molte le persone coinvolte in tutta la città: volontari, cittadini, associazioni di quartiere, studenti italiani e stranieri; tutti impegnati a prendersi cura di luoghi spesso in condizioni di degrado e dove l’utilizzo
di macchinari è il più delle volte impossibile. Un’importante azione collettiva che diffonde buonumore e sorrisi tra i partecipanti, e bellezza lungo tutto il percorso.
Garden in love
I volontari che fanno capo a questo gruppo si occupano in vari modi di un’area verde, a partire dalla cura di una piccola aiuola e dalla pulizia di giardini e parchi pubblici da arbusti e siepi, sino alla potatura delle preziose rose del Giardino delle Rose, alla cura degli iris del Giardino dell’Iris e la piantumazione di piante. L’obiettivo è che tutti possano fruire in modo totale, ma anche corretto e rispettoso, di questi spazi verdi.
Graphiti Kommando
Il gruppo si dedica alla rimozione delle scritte vandaliche dai muri e dalle facciate degli edifici fiorentini, anche immobili di pregio e “notificati” (grazie al protocollo di intesa con la Soprintendenza). Gli interventi svolti sono corredati da una scheda di rilevazione che confluisce in un archivio sulla base della tipologia di supporto (intonaco o altro) e dettagli dell’intervento (prima e dopo). Un’ampia documentazione fotografica ci consente di mantenere traccia del lavoro fatto.
Amici dei Tabernacoli
A Firenze i tabernacoli raccontano una storia fatta di arte e devozione e molti sono opera di famosi maestri, come Luca della Robbia e Donatello. Tesori di grande valore, i tabernacoli sono spesso testimonianze artistiche fondamentali, al pari dei monumenti più noti in città. Grazie all’ausilio del Comitato dei Tabernacoli, il contributo di Friends of Florence e la collaborazione del partner tecnico Italiana Servizi Spa, gli Angeli del Bello svolgono un’attività di “conservazione programmata”, occupandosi di preparare l’area di lavoro, pulire i vetri, le targhe, rimuovere eventuali scritte vandaliche dai muri contigui, e monitorare costantemente i tabernacoli e il loro stato.
Cancelli aperti
Questa attività permette a giardini e parchi storici di rimanere aperti grazie alla presenza dei volontari che affiancano il personale di guardiania, come nel caso del giardino della Villa Medicea di Castello e la Villa Medicea della Petraia. Gli Angeli del Bello contribuiscono anche alla buona riuscita delle aperture delle dimore storiche, iniziativa che si svolge nel mese di maggio, e alle aperture di parchi e edifici storici in occasioni particolari tipo la Festa di Porta Romana ed altro ancora.
I progetti
Angioletti del Bello
Questo progetto realizzato dalla Fondazione è rivolto agli insegnanti e ai bambini della scuola primaria. L’obiettivo è sensibilizzare i bambini e il corpo docente ai temi del rispetto dell’ambiente, della cura del bello, dell’attenzione agli spazi e beni comuni, della raccolta differenziata e dei comportamenti virtuosi in tema di rifiuti e riciclo. Nato nel 2015, il progetto si sviluppa attraverso un percorso ludico educativo che si affianca al programma didattico previsto dagli insegnanti. Nelle scuole aderenti al percorso, ogni anno i volontari degli Angeli del Bello organizzano una serie di incontri con le insegnanti, a cui seguono degli interventi in classe con i bambini. Il percorso si conclude con momenti di aggregazione (la Festa degli Angioletti), che coinvolgono le famiglie in interventi di abbellimento degli spazi esterni delle scuole, come giardini o aree gioco.
Teen Angels
Con il progetto Teen Angels la Fondazione Angeli del Bello si rivolge agli studenti delle scuole superiori, i cittadini di domani, e ai loro docenti. Vengono programmati una serie di incontri e attività, sia in orario scolastico sia in orario extra scolastico, attraverso i quali i ragazzi vivono in prima persona un’esperienza di educazione alla cittadinanza attiva e al decoro. Il progetto ha avuto un riscontro decisamente positivo grazie alla qualità della partecipazione dei ragazzi e al loro entusiasmo, senza dimenticare la preziosa collaborazione nata tra docenti e volontari. Un’esperienza di successo che la Fondazione Angeli del Bello da anni replica con gli studenti non italiani che frequentano scuole o università per stranieri a Firenze, in particolare quelle americane.
Angoli ritrovati
Un progetto che nasce dalla volontà di riqualificare angoli di Firenze che si trovano in stato di abbandono o degrado. Piccoli spazi urbani, spesso poco noti a cittadini e turisti, che diventano protagonisti di un’azione di rigenerazione urbana messa a punto con modalità di tipo partecipativo, da un architetto professionista, in collaborazione con l’Ufficio Unesco del Comune di Firenze e con la supervisione della Soprintendenza. In questi anni gli Angeli del Bello hanno ridato luce e vita alla Piazzetta dei Tre Re, una piccola piazza dimenticata dietro Piazza della Repubblica, e hanno valorizzato Piazza San Simone, Piazza dei Cavallari e Piazza del Giglio.