Chiuse le iscrizioni per la gara competitiva di 10 km (e mentre restano possibili fino a mezz’ora prima del via le iscrizioni alla Family Run di 4 km) questi alcuni dei top runners della 79esima Notturna di San Giovanni che andrà in scena stasera, sabato 16 giugno con partenza alle 21 in Piazza Duomo, dove sarà situato anche l’arrivo.
1  Hosea KIMELI KISORIO keniano tesserato per la Virtus Lucca che vanta un primato personale sui 10 km di 28’45” fatto a Cuneo nel 2015 e 1:01’59 in mezza maratona fatto proprio a Lucca nello stesso anno oltre a 2:17’12 nella maratona di Roma del 2016. E’ stato secondo nella Notturna 2014 e 2015.

2 Daniel KIPKIRUI NGENO, classe 1982, è tesserato per la Libertas Orvieto,  e vanta un personale sui 10 km su strada di 28’59” datato 2013 mentre sui 10mila in pista ha 29’23”44. Ha vinto la maratonina di Prato 2017 dove aveva chiuso in 1:03’00”.

Col pettorale 4 da seguire Daniele DEL NISTA, lucchese, sesto nell’edizione 2014 in 31’44”.  

Ci sarà anche il vincitore dell’edizione 2016 della Notturna di San Giovanni, il pistoiese dell’Atletica Castello, azzurro di corsa in montagna, Massimo MEI.

In campo femminile occhi puntati su Selinah CHEPKOSKEI KANGOGO, classe 88, tesserata per l’Atletica Castello, che correrà col pettorale 3, che è praticamente alla sua seconda gara in Italia dopo aver debuttato alla Scalata al Castello ad Arezzo chiudendo sui 5 km in 16’38”.

Tra le italiane occhi su Veronica VANNUCCI, pratese classe 77, anche lei tesserata per l’Atletica Castello, quest’anno terza alla maratonina di Prato e vincitrice di diverse mezze maratone in Toscana (tra cui quella di Pistoia e quella di Lucca), prima due settimane fa al Trofeo Questura di Prato, sui 10 km, in 37’52”. Sulla mezza maratona vanta un personale di 2:16’28” fatto a Prato nel 2010.

Sono attese anche Marta BERNARDI la vincitrice dello scorso anno e Hodan MOHAMED MOHAMUD, la portacolori del GS Il Fiorino, vincitrice della Guarda Firenze 2018 e dominatrice quest’inverno delle prove del Gran Prix Fidaltoscana di corsa campestre.

I primati della gara sono 28’30” in campo maschile di Luca Panichi del 1991, e 33’18” tra le donne di Gloria Marconi nel 2009. Quest’anno col nuovo percorso, perfettamente misurato e omologato Fidal, c’è curiosità per capire se verranno avvicinati.
L’organizzazione è curata da Firenze Marathon in collaborazione con Atletica Firenze Marathon e il patrocinio del Comune di Firenze.

Sono previsti quasi 3000 podisti al via. L’evento si svolge come da tradizione nell’ultimo sabato prima della Festa del Santo Patrono di Firenze, San Giovanni Battista, festa che culminerà con i tradizionali “Fochi” d’artificio il 24 giugno. Saranno circa 250 i volontari  di Firenze Marathon a presidiare il percorso e ad assistere i podisti prima, durante e dopo la gara.
A tutti i partecipanti verrà la ormai tradizionale maglia ricordo Asics dipinta da un’artista fiorentino. Stavolta l’onere e l’onore è toccato a Giovanni Giusti. Saranno premiati complessivamente oltre 200 atleti, Asics implementerà i premi con proprio materiale tecnico.

COSI’ L’ANNO SCORSO
Arrivo in volata in campo maschile nell’edizione dello scorso anno con Erastus Kipkorir Chirchir della Futura Roma l’aveva spuntata in 32’34” su Josphat Kimutai Koech della Libertas Runners Livorno in 32’37”, terzo burundiano dell’Atletica Casone Noceto Joachim Nshimirimana, 32’44”. Quarto il greco Ioannis Magkriotelis dell’Isolotto (34’14”). Poi ancora Kenia con Henry Masoi (Atletica Castello, 34’29”). Sesto Hicham Midar della Podistica Castelfranchese (35’05”), davanti a David Fiesoli dell’Aurora Montale, settimo e primo degli italiani e dei toscani in 35’06”. A seguire Matteo Cannucci del Fiorino, Andrea Mirandola (Montecatini Marathon) e Marco Rotelli che era stato anche il primo tra i Veterani in 35’23”.

Tra le donne podio femminile con Marta Bernardi, triatleta tesserata per Le Panche Castelquarto (38’07”) davanti a Margherita Cibei dell’Atletica Alta Toscana (38’20”), terza la pratese Tiziana Gianotti tesserata per l’Atletica Castello (38’44”). Quarta la vincitrice 2016, Anna Spagnoli dell’Edera Forlì che aveva chiuso in 39’30”. A seguire Denise Cavallini del Lammari, Chiara Giachi dell’Atletica 2005, Sara Colzi dell’Atletica Prato, Stefania Delbecchi dell’Atletica Vinci, Benedetta Bini dell’Atletica Futura e Laura Chiaramonti della Luivan Settignano.