ASICS FIRENZE MARATHON N°36 CON BMW NEL SEGNO DELLA SOSTENIBILITA’

La 36esima edizione della Asics Firenze Marathon in programma il prossimo 24 Novembre si conferma ancora una volta nel segno della sostenibilità e lo fa anche grazie a BMW, “Official Car” dell’evento.
Saranno infatti auto BMW a emissione zero quelle utilizzate per i servizi ufficiali durante la gara, e nei giorni successivi e precedenti all’evento.
“Stiamo vivendo un momento di grande trasformazione del settore automotive – il commento di Federico Izzo, direttore marketing BMW – nel quale aziende visionarie e innovative come BMW stanno costruendo la mobilità sostenibile del futuro. Già ora questo impegno nelle aree della sostenibilità e dell’impatto ambientale trova forma nei nostri modelli elettrici e ibridi plug-in, che sono in grado di unire efficienza e prestazioni, un principio che vale anche per il running. Attraverso il progetto “ROAD TO ICELAND. THE SCIENCE OF BREATH.” mettiamo il nostro impegno a supporto delle principali manifestazioni podistiche di rilevanza nazionale e vogliamo incontrare i partecipanti e tutti gli appassionati sportivi, per portare il nostro messaggio “la scienza del respiro” e far vivere l’esperienza della guida BMW a zero emissioni.”

Firenze Marathon peraltro è da sempre sensibile a questi temi. Non solo è stata la prima maratona in Italia a dotarsi di un mezzo elettrico a zero emissioni e di ridotte dimensioni per gli spostamenti dello staff per tutto l’anno, ma da anni si adopera per il riciclo e per l’eliminazione di tutti quelli che sono i rifiuti derivanti dall’organizzazione dell’evento. Ecco quali sono i punti di partenza per la nascita della collaborazione e del connubio con BMW.
“ Siamo onorati di questa Partnership – commenta il nostro Direttore Generale Diego Petrini – Firenze e la sua Maratona sono delle importantissime vetrine di visibilità per i nostri sponsor, ed un marchio come BMW, azienda leader del settore automotive , ci aiuta a promuovere a livello internazionale il nostro evento. Siamo fiduciosi che sia l’avvio di una lunga collaborazione, che possa continuare anche negli anni futuri.”